Agenda eventi

ADUA

1990, Cinquefrondi.

ESPOSIZIONI

Archivio delle esposizioni e degli eventi passati.

CONTATTI

Sono reperibile al: ...

IN CORSO D'OPERA

GALLERIA FOTOGRAFICA

GALLERIA

APRI LE IMMAGINI PER SCOPRIRE LA GALLERIA

STATO DI NECESSITA'

ACRILICO ACQUERELLATO E TESSITURE SU TELA

150x140CM, 2017

SENZA TITOLO

ACRILICO ACQUERELLATO E TESSITURE SU TELA

70x70CM, 2017

TIMIDE CONTAMINAZIONI

ACRILICO ACQUERELLATO E TESSITURE SU TELA

100x100CM, 2017

FRAMMENTI IN RICORDO

ACRILICO ACQUERELLATO E TESSITURE SU TELA

50x50CM, 2017

Adua Martina Rosarno è nata a Cinquefrondi (RC) nel 1990.
Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, conseguendo il diploma accademico di I Livello nel 2013 e il diploma di II Livello nel 2015 con Lode. Vive e lavora tra Treviso e Nicotera (VV).
Dal 2013 ha portato il suo contributo al progetto “L’Acqua è Maestra” del Maestro Remo Salvadori, prendendo parte ad eventi quali “So-Stare” (MAC Lissone), “Pensare un Colore” (Limestre, Dynamo Camp) ed “Il Dono del Colore” (Milano, Banca Sistema).
Il suo lavoro è stato menzionato per diversi premi e  riconoscimenti. Ad oggi, Adua Martina Rosarno prende parte a collaborazioni e mostre personali e collettive, in Italia ed all’estero.
COLORE, FILO, PERSONE, AGO, PAROLE, ...
Un mondo immobile pregnante e rarefatto, così spalancato sotto il cielo che quasi da le vertigini, ma certa però della conquista di uno spazio su cui concentrare la sua ricerca.

TATIANA CARAPOSTOL

Il corpo complessivo di questo lavoro attraverso la ricerca di una pratica consapevole e i significati che il colore porta, come natura e scienza del colore, offre la possibilità di divenire fonte primaria di dono.

REMO SALVADORI

PER L’ACQUA E L’INCONTRO, VIAGGIO INTRAPRESO IN ORDITO CON AMEDEO FERNANDES
[...] Attenta osservatrice del mondo introspettivo, la rosarno traduce i suoi paesaggi interiori trasponendoli nei suoi quadri mediante l’applicazione dei colori a olio sulla tela di grana fine, segnata anche da tessiture che creano percorsi e direzioni, strade da percorrere e sentieri su cui meditare. Il lavoro procede per velature, trasparenze, contrasti. Gli orizzonti che l’artista mostra sono sconfinati e portano il fruitore a smarrirsi all’interno di quei paesaggi illusori -che riescono a condurci in una dimensione onirica- pur con rimandi continui alle strade reali dei ricordi e a quegli scenari tanto cari alla pittrice. [...]

NOlab

CONTATTI

SCRIVIMI! TI RISPONDERO' IL PRIMA POSSIBILE